UPPI-lettering_locale

Risparmio energetico, i dati all’Enea sul nuovo portale entro il 25 aprile per i lavori di gennaio – di Saverio Fossati

L’adempimento non blocca i benefici fiscali ma è essenziale ai fini statistici

 

Per i bonus fiscali da risparmio energetico (anche se il mancato adempimento non causa la perdita delle agevolazioni) occorre comunicare all’Enea le caratteristiche tecniche delle installazioni (caldaie, pompe di calore, eccetera). I dati sono importantissimi per la politica energetica ed Enea chiede con forza che vengano trasmessi.

L’Enea ha comunicato oggi che è operativo il portale aggiornato bonusfiscali.enea.it dove si trasmettono i dati degli interventi con data di fine lavori a partire dal 1° gennaio 2024 da parte dei contribuenti che intendono accedere alle detrazioni fiscali Ecobonus (art. 14 del D.L. 63/2013) e Bonus Casa (art. 16.bis del DPR 91/86).

Il termine di 90 giorni per la trasmissione dei dati all’ENEA per gli interventi con data di fine lavori compresa tra il 1° e il 31 gennaio 2024 decorre dalla data di messa online del sito (cioè il 26 gennaio 2024). Quindi tutte le installazioni completate entro gennaio vanno comunicate entro il 25 aprile 2024.

L’Enea ricorda che devono essere inviati:
• attraverso la sezione Ecobonus, i dati degli interventi di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente (incentivi del 50%, 65%, 70%, 75%, 80%, 85%);
• attraverso la sezione Bonus Casa, i dati degli interventi che usufruiscono delle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie, che comportano risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti rinnovabili.

È possibile accedere al servizio online solo dietro autenticazione tramite SPID o CIE.